Skip to content

Storia e guida

Arduino Berlam (foto archivio Architetti)

LA NASCITA

Il Monumento nasce immediatamente  dopo la Grande Guerra grazie al forte  impegno dell’architetto Arduino Berlam.

La vecchia lanterna non era più  adeguata alle esigenze del porto e si  volle un faro che segnasse il momento  storico.

Infatti, accanto alle funzioni di sicurezza per la navigazione, il Faro  della Vittoria presenta il duplice scopo di celebrare il passaggio della  città di Trieste al regno d’Italia e di  commemorare i caduti in mare nel corso  del primo conflitto mondiale.

Foto: Ministero dei beni e delle attivita' culturali e del turismo

LA COSTRUZIONE

I lavori di costruzione durano quattro anni, dal 1923 al 1927, e all'inaugurazione del 24 maggio 1927 prende parte anche il re Vittorio Emanuele III.

Il Faro sorge sulle strutture e nell'ambito del complesso del Forte Kressich, una delle più importanti postazioni dell’impero austroungarico della città risalente alla metà dell’Ottocento.

Ogni elemento che lo compone è stato pensato per avere un forte valore simbolico.

Foto: Ministero dei beni e delle attivita' culturali e del turismo

Faro della Vittoria in costruzione - Trieste
Statua della vittoria alata - faro trieste

LA STATUA DELLA VITTORIA ALATA

La statua della Vittoria Alata innalza con la mano sinistra una fiaccola, mentre con la destra stringe una colonna d’alloro.

Opera dello scultore triestino Giovanni Mayer, realizzata in rame sbalzato dall’artigiano Giacomo Sebroth, è sorretta da un tubo d’acciaio che s’innesta nella torre. Pensata per resistere al forte vento di bora, le sue ali presentano alcune aperture per diminuirne la resistenza.

La corona che ne orna il capo nasconde l’impianto di protezione dalle scariche atmosferiche.

LA STATUA DEL MARINAIO IGNOTO

Ancora del Mayer l’imponente scultura dedicata al Marinaio Ignoto, realizzata con la collaborazione del maestro scalpellino Regolo Salandini.

La statua, alta otto metri e 60 cm, raffigura l’immagine di un marinaio con il classico copricapo da pioggia della Regia Marina, noto come “Sud-Ovest”, e alti stivali da lavoro mentre scruta il mare.

Statua del Marinaio Ignoto - Faro della Vittoria Trieste
Particolare ancora - faro della Vittoria Trieste

L'ANCORA

Alla base della statua è appoggiata l’ancora del cacciatorpediniere Audace, corredata dalla targa riportante la dicitura "Fatta prima d’ogni altra sacra dalle acque della gemma redenta, il 3 novembre 1918" a commemorazione dello storico ingresso della prima nave italiana a Trieste, l’Audace appunto.

L'EPIGRAFE E LA CATENA

Più sotto un’altra epigrafe “MCMXXVII Splendi e ricorda i caduti sul mare MCMXV – MCMXVIII” sottolinea ancora una volta come la luce del faro
serva non solo a guidare i naviganti contemporanei, ma anche a ricordare i caduti in mare del passato.

La catena, che cinge l’aiuola alla base del Faro, e i due proiettili posti all'entrata appartenevano alla corazzata austroungarica Viribus Unitis, affondata nella Base di Pola nel 1918 da incursori della Marina Italiana.

Particolare epigrafe e catena - Faro della Vittoria Trieste
Faro della Vittoria Trieste - Vista dal basso

Alcuni dati

Peso complessivo: 8.000 tonnellate
Altezza complessiva: 67.85 mt
Altezza dal livello del mare: 128.85 mt
Altezza del piano focale sul mare: 116 mt
Intensità media del corpo illuminante: 1.250.000 candele

Portata media: 35 miglia
Altezza della Vittoria alata: 7.20 mt
Altezza della statua del Marinaio: 8.60 mt

Il Faro costituisce oggi un rilevante monumento nazionale e offre al visitatore la possibilità di osservare la città da un punto di vista panoramico.

Il faro dipende dalla Marina Militare ed è aperto al pubblico grazie ad una speciale convenzione stipulata con la Regione Friuli Venezia Giulia tramite l’Ente regionale per il patrimonio culturale - ERPAC